Quale è la differenza tra percezione e sensazione?

Il nostro corpo è un organismo capace di interagire con l’ambiente tramite i 5 sensi largamente noti a tutti: udito, olfatto, vista, gusto,tatto.

I nostri sensi si comportano da veri e propri trasduttori di fenomeni fisici, i quali hanno una natura molto varia (meccanica, luminosa etc).

La vista per esempio è un senso estremamente complesso e il cosiddetto “organo recettore” è l’occhio. L’occhio agisce da traduttore, nel senso che è capace di convertire le onde elettromagnetiche in stimoli nervosi.

Tutti i nostri sensi, in qualità di “trasduttori” di segnali, sono dei convertitori di stimoli di input in stimolo nervoso. Questo genere di attività di trasduzione avviene a livello periferico e non nel nostro cervello, questo genere di input si chiamano sensazioni. Quindi la sensazione è quello che succede nella periferia del nostro corpo, quella trasformazione di un fenomeno fisico qualunque in stimolo nervoso.

Ogni input che riceviamo dall’esterno, una volta convertito in attività nervosa, raggiunge il cervello. A questo livello la sensazione diventa qualcosa di più, diventa percezione.

Per esempio, quando qualcuno parla si sa che è in grado di emettere suoni. In realtà i suoni non esistono nel mondo fisico, o almeno non come li intendiamo noi. Il suono, nel mondo fisico, non ha quella magia che conosce il cervello, ma è solo l’alternanza di compressioni e decompressioni dell’aria, niente di più. Il nostro trasduttore in questo caso è l’organo dell’orecchio, capace di convertire delle semplici compressioni e decompressioni armoniche dell’aria in attività nervosa.

Tali input arrivano al cervello ed è qui che avviene l’ulteriore trasformazione della sensazione. Nel sistema nervoso centrale (SNC) la sensazione viene elaborata in un modo veramente complesso, in diverse regioni del cervello, diventando percezione.

Quello che succede è straordinario perchè il mondo dei suoni esiste solo dentro il nostro cervello, non nella realtà. Tuttavia è fenomenale come il nostro organismo abbia trovato un modo così originale di percepire le vibrazioni dell’aria, perchè questo originano tipicamente da un corpo vibrante. Che queste vibrazioni vengano da una persona che parla o dal ruggito di un leone è di per sè indifferente ma ai fini della sopravvivenza fondamentale.

Se volessimo trovare un flusso descrittivo di questi percorsi potremmo dire che in prima istanza un fenomeno fisico viene generato. In seguito i nostri organi sono in grado di trasformarlo in attività nervosa o sensazione. Infine il nostro cervello è in grado di elaborare ulteriormente le sensazioni e trasformarle in percezioni.

Nel nostro cervello esiste un’interpretazione della realtà veramente originale e artistica, esistono i colori, i suoni, i sapori etc. Niente di tutto ciò esiste nel cervello esiste anche nella realtà fisica ma è tutto un’interpretazione veramente singolare del nostro SNC, è tutto una corrispondenza, non una realtà.

Autore: Andrea

PhD student | Biomedical Engineer | Telemedicine | Telerehabilitation | Investor

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...